Annalisa torna in Italia

dal 22/11/98 al 28/11/98

78

Annalisa torna in Italia

Domenica

Sveglia alle 5 per accompagnare Annalisa all’aeroporto.

Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato

Settimana passata a fare qualche lavoretto e a preparare
la barca per le due settimane di nostra assenza. Il Walkabout è ormeggiato ad
un grosso corpo morto nella baia dei pescatori prima di Maeva Beach e dato che
stiamo entrando nella stagione dei cicloni bisogna prepararlo in modo da riuscire
a fare sonni tranquilli quando saremo entrambi in Italia.

Per prima cosa bisogna verificare il corpo morto. E’ posto in 13 metri di profondità
ed è veramente robusto con due cime di nylon da 30 mm legate ad una grosso spezzone
di catena da nave collegato ad un lastrone di cemento insabbiato. Poi avvolgo
con degli stracci tutti i punti in cui le cime sfregano in modo da evitare l’usura.
Quindi libero la coperta di tutto, tolgo la randa, sgonfio il gommone e domenica
mattina anche io prendo l’aereo per l’Italia. Dato che la baia in cui c’è il
Walkabout è alla fine della pista d’atterraggio, al momento del decollo riesco
a dargli un’ultima occhiata: speriamo bene!